19 Mar 2021

Brutte notizie per le caselle gratuite di Email.it

É passato meno di una anno dal brutto episodio che ha coinvolto email.it con la perdita di dati personali che, ricordiamolo, riguardò indirizzo casella, password assegnata al primo accesso, nome e cognome, data di nascita e codice fiscale del cliente e, nel caso la password non fosse stata mai cambiata, potenzialmente anche tutto il contenuto della posta della casella.

Email.it

Lo scorso 17 marzo 2021, Email.it ha pubblicato nella sezione avvisi del sito una news che avvisa che dal prossimo 26 aprile 2021 non sarà più possibile accedere via IMAP o POP3 alle caselle gratuite, come si può evincere da questo estratto:

Gentile Utente,
l'evolversi della tecnologia e delle comunicazioni digitali richiede caselle di posta sempre più performanti, che garantiscano alti livelli di sicurezza.

Ognuno di noi si ritrova ormai a ricevere messaggi di inestimabile importanza:
comunicazioni di lavoro, email personali di grande valore affettivo, email necessarie all'espletamento della vita quotidiana, come bollette, iscrizioni, conferme d'ordine, comunicazioni scolastiche.

E' per questo motivo che Email.it si impegna a dedicare tutte le sue risorse alle caselle professionali, a coloro che investono in un servizio di posta elettronica di alto livello perchè ritengono che il contenuto della propria casella abbia un valore superiore a quello di un servizio gratuito e senza garanzie.

Il servizio gratuito, ormai utilizzato solo per diletto, verrà mantenuto attivo nella versione webmail e dal giorno 26/04/2021 verranno disabilitati i protocolli POP e IMAP.

Dal 26/04/2021, pertanto, le caselle ZE-Free non saranno più consultabili tramite app o programmi di posta, ma continueranno a funzionare regolarmente accedendo dal sito www.email.it.

C'è da chiedersi come abbiano fatto a stabilire che i propri utenti della versione free ne facessero soltanto un uso dilettantistico e per quale motivo l'uso dilettantistico giustificherebbe la chiusura dei protocolli IMAP e POP3, ma potremmo speculare si tratti di una mossa che precede solamente la chiusura definitiva e che serva per cercare di far transitare quanti più utenti verso una casella a pagamento.

Contestualmente osserviamo, infatti, che sul sito non è più possibile attivare caselle gratuite. Il menu per la creazione della casella gratuita esiste ancora ma cliccandolo si giunge ad una pagina che recita:

La registrazione delle caselle gratuite Email.it non è più disponibile.

Rimangono attive le registrazioni di tutte le caselle professionali in abbonamento:

Preparatevi quindi a vedere un calo di aperture e interazioni per le email che inviate a utenti email.it e, forse, a vedere, nel prossimo futuro, la dismissione di tali indirizzi dei vostri contatti che usano caselle @email.it.

Se siete utenti della versione free di email.it avrete ricevuto questo avviso nella vostra casella: potete valutare l'upgrade ad uno dei piani a pagamento così da mantenere il vostro indirizzo email oppure cogliere l'occasione per spostarvi verso altri fornitori, magari sfruttando, finché dura, la possibilità di creare una regola/filtro per inoltrare tutte le email ricevute ad un nuovo indirizzo email o per rispondere al mittente indicando quale sia il vostro nuovo indirizzo email.

Commenti

avete scritto bene
sfruttando, finché dura, la possibilità di creare una regola/filtro per inoltrare tutte le email ricevute ad un nuovo indirizzo email
FINCHE' DURA.
Hanno disabilitato i filtri senza avvisare, e non rispondono ai ticket.
Vergognosi.
 

Hanno eliminato i filtri (che permettevano i forward), senza avvisare.
Ho aperto ticket 16 giorni fa, sollecitandoli ogni giorno. Mai risposto.
Avevo già messo questo commento ma è stato eliminato.
Se siete conniventi, perché questo articolo?

Aggiungi un commento

Cliccando su "Salva" accetti che i tuoi dati siano registrati con l'unico scopo di pubblicazione e gestione dei commenti (Leggi l'informativa completa)