21 Feb 2013

Da Hotmail ad Outlook.com: evoluzione della specie?

Da hotmail ad outlook.com

Il lancio di Outlook.com risale ormai all'estate scorsa ma solo da pochi giorni Outlook.com è diventata la nuova webmail ufficiale di microsoft e sembra che entro fine dell'estate tutti i profili hotmail verranno migrati su questa.

Esteticamente le modifiche sono notevoli, con una interfaccia che segue lo stile degli ultimi prodotti Microsoft, ma questa nuova versione spinge soprattutto l'integrazione con i social network, con Skype e con Skydrive. Altro punto sul quale sembra puntare la casa di Redmond con questo aggiornamento è la privacy: infatti ironizza sul "don't be evil" di google usando un "don't get scroogled" (non farti fregare!).

Globalmente sono già 60 milioni le caselle che utilizzano il nuovo servizio e al termine della migrazione saranno oltre 300 milioni!

Per quanto riguarda il mercato italiano, le nostre statistiche ci dicono che circa l'8% delle aperture e dei clic avviene appunto utilizzando la webmail di Microsoft. Solo un anno fa questa percentuale era del 10% e questo calo può far intuire i motivi per cui Microsoft sta cercando di rinnovare/innovare la webmail. Purtroppo non possiamo sapere quante di queste utilizzino già il nuovo Outlook.com e quanti invece utilizzino l'interfaccia precedente!

Per chi sperava che con la nuova versione migliorasse la compatibilità con le newsletter HTML ci sono delusioni in arrivo. Con la nuova grafica sono stati anche introdotti nuovi problemi: infatti il supporto per i "margin" CSS è stato completamente rimosso. Inoltre vi sono margini predefiniti per i tag "p" e per gli heading che non sono sovrascrivibili!

Altra novità introdotta con questa nuova webmail è l'uso del dominio @outlook.com che dovremo abituarci a vedere affiancato ai più famosi @hotmail.com, @live.com, @msn.com (e relative estensioni internazionali).

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.