04 Ott 2011

Hotmail e la guerra alla graymail

Hotmail Inbox Pie

Dick Craddock, direttamente dal windows team blog, dice:

liberarsi dello spam "vero" non è abbastanza, perchè il 75% delle email che la gente segnala come spam sono in realtà newsletter legittime, offerte, o notifiche che semplicemente non vogliono più ricevere. Chiamiamo questo tipo di messaggi "non più voluti" graymail

Il post continua mostrando come il team di Hotmail sia riuscito in questi anni a ridurre la quantità di spam "puro" che riesce ad arrivare alla inbox al 2% delle email consegnate in posta in arrivo, ma anche come solamente il 14% delle email legittime siano messaggi diretti da utente a utente, mentre la stragrande maggioranza della inbox è occupata da newsletter, update dai social network, notifiche o altro.

Per questo motivo la prossima versione di Hotmail introduce il riconoscimento automatico delle newsletter e le inserisce in una specifica categoria. Microsoft sostiene di riuscire già ad identificare le newsletter correttamente nel 95% dei casi e che questa percentuale è destinata a crescere nel momento in cui gli utenti potranno classificare eventuali email non riconosciute automaticamente.

Per ogni newsletter viene poi mostrato un pulsante per la disiscrizione veloce. Hotmail proverà ad effettuare la disiscrizione per conto dell'utente e comunque bloccherà eventuali email successive. Inoltre, come già avviene per le segnalazioni di spam, sarà possibile anche eliminare qualunque comunicazione precedente.

In questo modo Microsoft conta di educare i propri utenti ad utilizzare il pulsante Spam per lo spam vero e il pulsante di Unsubscribe per quelle email alle quale ci siamo iscritti (e quindi legittime) ma che non sono più di nostro interesse.

Immagino già alcuni team al lavoro per cercare il modo di evitare che le proprie email vengano riconosciute come newsletter così da attrarre il più possibile l'attenzione dell'utente, invece io penso che la cosa giusta da fare sia assicurarsi che le proprie newsletter siano correttamente riconosciute come tali e che la procedura di unsubscribe di Hotmail funzioni correttamente con le nostre newsletter: in questo modo ridurremo le segnalazioni di spam al massimo e miglioreremo la deliverability.

Tom Warren su WinRumors dice inoltre che la nuova versione di Hotmail abiliterà la protezione SSL in maniera predefinita seguendo quindi a poca distanza le scelte di Google.

 

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.